lunedì 9 luglio 2018

#DODDOREMELONI ricordato da Leonardo Melis

#DODDOREMELONI ricordato da Leonardo Melis nell'anniversario della sua scomparsa.
La prima: "DIE de DODDORE" Per ricordare un amico morto in carcere in seguito allo sciopero della FAME e della SETE, per le sue idee indipendentiste e per la sua GENTE, la maggior parte della quale non meritava un tale sacrificio. Visto che è stato dimenticato sia dai MEDIA che appunto, dalla gente della sua ISOLA di SARDINIA..

giovedì 5 luglio 2018

#SHARDANA&SHAKALASA 1200 a.C. la Grande Invasione




#SHARDANA&SHAKALASA 1200 a.C. la Grande Invasione <<Estate(?) 1200 a.C. Un fenomeno geologico marino interessò il Mediterraneo intero. Le acque si sollevarono repentinamente di m. 2.50 con la conseguente inondazione dei territori interni fino a 30 kilometri circa. I danni alle colture e alle falde acquifere furono devastanti. I cereali, il frumento (alla base del sostentamento delle popolazioni insieme al pescato), furono devastati e le sorgenti non poterono più dissetare greggi e armenti e gli stessi abitanti. Questa catastrofe, come spesso accadeva nell’antichità, fu una delle cause di quel grande movimento di popoli che cambiarono la storia delle civiltà di Occidente e conseguentemente dell’Oriente stesso. - Ramesse III si esprime così alla notizia di una paventata invasione del suo regno da parte di popoli stranieri: “Le isole non hanno riposo e i continenti nemmeno, perché i Paesi Stranieri fecero un complotto nelle loro isole e i paesi furono scacciati e dispersi in battaglia tutti in uno stesso momento e nessun paese può resistere ai loro eserciti. Hatti, Karkemish, Arzawa, e Alashya…”. Agli antichi assalitori conosciuti dagli Egizi: Sharden, Libu, Akayasa, Teresh, Shakalasa, si erano aggiunti Danuna (Denen), Pheleset, Likku e Tjekker. - La Bibbia, in una profezia dell’indovino Balaam (Numeri: XXIV – 21/24) che era stato incaricato di maledire Israele, la quale si accingeva a conquistare le Terre di Kanaan, ci ha stupito per la precisione dei riferimenti nei confronti dei Popoli del Mare, scrive: “Popoli del Mare si raduneranno al Nord, e delle navi nei pressi di Kittim opprimeranno Assur e devasteranno Eber e infine periranno anch’essi per sempre”.>> Da: "SHARDANA&SHAKALASA" di Andrea di Lenardo e Leonardo Melis

martedì 3 luglio 2018

#POPOLIDELMARE la presenza provata in Palestina e Israel.




#POPOLIDELMARE la presenza provata in Palestina e Israel. Da: "SHARDANA&SHAKALASA" di Andrea di Lenardo e Leonardo Melis <<<Venamun. L’autore di questo affascinante racconto ci riporta a episodi riportati anche dalla Bibbia e da altri scritti egizi, che confermano queste affermazioni (compresa quest’ultima di Leonard Woolley) sulla presenza dei P.d.M. in Palestina e in Canaan in particolare. Alla fine del XI secolo a.C. Wen-Amon, un funzionario del tempio di Amon a Tebe, inviato a Byblos per richiedere legni di cedro, raccontò la sua avventura in un poema che prese il suo nome. Dopo incredibili peripezie affrontate nel viaggio dall’Egitto a Byblos, arrivato in città, si vide negare l’udienza richiesta. Deluso, umiliato e incredulo per l’atteggiamento di un vassallo (ex, aggiungiamo noi) che non teneva in alcun conto la potenza del suo paese, fece di tutto finché riuscì a comprare un cortigiano che lo introdusse alla corte del capo della città: Tjekar.Baal. Alla richiesta del funzionario egizio, Tjekar.baal rispose che, se l’Egitto voleva i legni di cedro, li doveva pagare. Wen-Amon, sempre più umiliato, inghiottì il boccone amaro e decise di inviare un messo per ottenere il pagamento dai suoi superiori. Cosa che avvenne regolarmente. Ma quando tutto sembrava filare liscio e quando il legname era stato accatastato sulle banchine, attraccò nel porto una flottiglia con a bordo dei personaggi che entrarono a corte senza neanche farsi annunciare, affermando che il trasporto spettava a loro. La cosa strana è che, a un rifiuto di Wen-Amon (che forse aveva dei motivi di inimicizia con loro), il re di Byblos affermò che la cosa non lo riguardava più e che essi, i Tjeker (questo era il loro nome), potevano fare dell’egiziano quello che ritenevano opportuno, una volta fuori della città. I Tjekker? Cosa ci facevano i Tjekker a Byblos nel XI sec. a.C.? Ramessu III non li aveva cancellati dalla faccia della Terra, insieme ai Sherden, ai Pheleset ecc.? A quanto pare, no! Essi, non solo erano vivi e in salute, ma i Kananei li conoscevano e li rispettavano e gli Egizi ne avevano un fifa tremenda! Molti studiosi attestano, infatti, la presenza di Popoli del Mare in Palestina e fra questi vi erano i Tjekker, arrivati con i Shardana di scorta alle tribù semite guidate dal principe Mose. I Tjekker fondarono la città di Dor e da lì partirono probabilmente quando i loro fratelli piombarono dal Nord Europa sulla povera Grecia. I Greci poi identificarono gli invasori (Dori) col nome della città da cui arrivava questo gruppo, Dor, appunto.>.