lunedì 22 maggio 2017

7^FESTA SHARDANA del SOLSTIZIO


https://www.facebook.com/352519408136795/photos/gm.1258510557594844/1315265448528848/?type=3&theater

#7^FESTASHARDANADELSOLSTIZIO 2017 SI COMINCIA! Finito il primo ciclo di PRESENTAZIONI del nuovo libro, Leonardo si dedica alla festa solstiziale del RADUNO della JENTE SHARDANA. Prenotatevi per tempo, perchè Leonardo ha riservato ai suoi amici e lettori alcune sorprese e anticipazioni che faranno di questo evento un ... EVENTO! Presto il programma dettagliato...

martedì 2 maggio 2017

NEPHILIMeGIGANTI = NEANDHERTALeSEMIDEI


#NEPHILIMGIGANTI = NEANDHERTALeSEMIDEI.
<<<“I figli di Dio, vedendo che le figlie degli uomini erano adatte, si presero per compagnie tutte quelle che loro piacevano. Allora il Signore disse: “il mio spirito non rimarrà a lungo umiliato nell’uomo, perché è carne. La sua vita non sarà più di 120 anni”. Poi l’autore della Jenesi continua: Kaino e Abele, Sapiens e Neanderthal - “C’erano allora i Giganti sulla Terra, e anche dopo, quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini, le quali generavano loro dei figli. Quegli eroi famosi fin dai tempi antichi”>. Due passi che hanno sempre scatenato studiosi della Bibbia, teologi e ufologi vari. Noi con l’aiuto delle scoperte su citate, cercheremo di spiegare. Sempre nel rispetto delle convinzioni personali di ognuno. Limitandoci a quello che può essere semplice storia dell’umanità senza scomodare alcuna religione o altra credenza antica o moderna. Esaminiamo il primo passo, quello sui “figli di Dio e le figlie degli uomini”. Le spiegazioni abbiamo avuto modo di sentirle da teologi e ufologi, convinti ambedue della “verità” vera. Noi ne abbiamo una più reale e scientificamente più semplice. Abbiamo visto che l’incontro fra le due componenti avviene in Palestina e dintorni. Luoghi della Bibbia. I racconti e le letture nei templi delle varie religioni, ivi comprese quelle dei Sumeri e quelle giudaiche, non potevano non rammentare questi fatti e interpretarli ognuno a modo suo. Per i discendenti dei SAPIENS “gli altri” erano i “figli di Dio”, “Angeli caduti” o “coloro che discesero”. Avete capito che stiamo parlando dei misteriosi NEPHILIM (coloro che caddero). “Coloro che discesero” potrebbe essere riferito a “coloro che scesero dall’emisfero superiore”, Europa per capirci, contrapposti a “Coloro che vennero dall’Apsu” l’emisfero inferiore, l’Africa. Il secondo passo parla dei famosi “Giganti” nati dall’unione dei “figli di Dio” con le “Figlie degli uomini”. Qui è la Bibbia stessa che ci fornisce la spiegazione: “Quegli eroi famosi fin dai tempi antichi”… Ossia i così detti Semidei, eroi con nomi a noi noti, come Gilgamesh, Sargon, Perseo, Eracle, Romolo, Ciro, e a ruoli invertiti anche Akille, Enea e altri figli di Dee e di uomini.>>
Da "SHARDANA Antichi Re del Mare"

martedì 18 aprile 2017

#SCRITTASHARDANA scoperta da Leonardo Melis


Nel 2010 Leonardo Melis scriveva in "Shardana Jenesi degli Urim"
<<Concludiamo, cari lettori, aggiungendo che per un pò di tempo ci
prenderemo licenza di non scrivere altro. Saremo però disponibili
a incontrarvi per discutere insieme di queste novità che arricchiscono
ancora la nostra Storia e magari scatenando ancora le proteste
degli addetti ai lavori. Le proteste sono già in atto prima ancora
che il libro sia pubblicato. Riguardano soprattutto la Ziggurat e la
Scritta di Pozzomajore. “Leonardo Melis deve dirci in che contesto,
il luogo e lo scopritore dell’iscrizione!” Deve! Come se ora
fosse colpa di Melis se documenti come questi sono stati accantonati
nei magazzini dei musei da parte di CHI avrebbe dovuto invece
pubblicare i risultati delle varie campagne di scavi. Noi abbiamo
le nostre informazioni e le forniremo a tempo debito, non per
obbligo nei confronti di questi signori, ma per il piacere di rendere
nota la conoscenza di questi importanti documenti.
Amici mi chiedono però come siamo arrivati alla “scoperta”
che scoperta non è, ma studio di qualcosa che già era conosciuto.
Un grosso aiuto ce lo ha fornito la lettura di un lavoro di un caro
amico e collega studioso di storia sarda. Ve ne forniamo alcuni
stralci, che poi sono quelli che hanno acceso la nostra curiosità,
portandoci alla “scoperta” della Ziggurat e del Documento.>>
Da: "SHARDANA JENESI degli URIM" del 2010

lunedì 27 marzo 2017

#TENORESdiORGOSOLO e LEONARDO MELIS

#TENORESdiORGOSOLO  "UNTANA VONA", omaggiano Leonardo Melis con una loro ODE in occasione della presentazione del libro di Leonardo "SHRDANA ANTICHI RE DEL MARE", a ORGOSOLO

domenica 12 marzo 2017

MOSEEGIZIO eliminato e sostituito










#MOSEEGIZIO devoto al dio ADONAI (ATON) eliminato da JETRO e sostituito con un altro Mose adoratore di un dio vulcanico dei Madianiti, geloso e collerico.
da: "SHARDANA Antichi re del mare":
<<Jetro rimane per noi una figura
enigmatica e persino con una doppia personalità, oltre a essere
chiamato con due differenti nomi dagli autori. Ma la cosa più
inquietante rimane il suo incontro con Mose, una volta usciti dal
deserto del Sinai ed entrati nel territorio dei Madianiti, di cui Jetro
era Capo e Sacerdote. Mose aveva già incontrato il figlio di Jetro,
suo cognato dunque, nel deserto. Mose chiese al cognato appunto
di far loro da guida; ma il cognato rispose seccamente “No, io
non verrò con te!”. Risposta che, oltre a essere sibillina, denota
già un astio nei confronti di Mose. Perché? Pensiamo di avere
una risposta per questa domanda. L’avremo definitiva nell’incontro
di Mose con il suocero e lascerà voi stupefatti quanto e più
di noi. Mose dopo essere stato ospite di Jetro e dei Madianiti e
dopo aver sposato la figlia del capo, Sephora (O Zippora), dopo la
visione del roveto ardente, partì per l’Egitto, inviato dal Signore
per liberare il “suo” popolo. Noi ricordiamo che Mose “rimandò
indietro Sephora e i due suoi figli”, cosa questa inaccettabile nella
cultura dei Beduini e di altre popolazioni, adesso come allora.
ESODO XVIII- 1- 8: <Or Jetro, sacerdote di Madian, suocero
di Mose, era venuto a sapere … Jetro prese Sephora, moglie di
Mose e i due figli di lei … Gersom ed Eliezer … andò incontro
a Mose, dove era accampato, al Monte di Dio e mandò a dire a
Mose “io Jetro, tuo suocero, vengo da te, con tua moglie e i suoi
due figli”… e dopo essersi informati sulla loro salute entrarono
nel padiglione >. Parole che paiono una minaccia, neanche tanto
velata. Nella fase seguente all’incontro sta nascosto un fatto che
ha dell’inquietante e misterioso. - ESODO XVIII - 12 : <Dopo
questo, Jetro, suocero di Mose, offrì olocausti e sacrifici a Dio,
ed Aronne e tutti gli Anziani di Israele vennero a mangiare col
suocero di Mose, davanti a Dio> … E Mose? Dove era finito?
Salterà fuori solo dopo alcune righe, ma con un atteggiamento
che pare dipendere da Jetro e con un fare per niente accomodante,
ma collerico e vendicativo nei confronti del Popolo. Insomma …
Un altro Mose!>>

IMMAGINE DA: I DIECI COMANDAMENTI di Cecil de Mille

venerdì 10 marzo 2017

#JENESI: EVA NON FU LA PRIMA DONNA


#JENESI: EVA NON FU LA PRIMA DONNA
 .
Jenesi: leggendo attentamente il testo si capisce che si
tratta di due racconti differenti e vediamo subito perché. Già dalla
Creazione dell’uomo (e della donna) vi sono due versioni. “Poi
Iddio disse: facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza
... Iddio creò l’uomo a sua immagine. A immagine di Dio lo
creò; lo creò maschio e femmina” (Jenesi I - 26). Poi in (Jenesi
II- 8) leggiamo: “Poi il signore Iddio piantò un giardino in Eden
(E.DN, Casa di Dan); e quivi pose l’uomo che aveva formato
…”. Aggiungendo (Jenesi II - 18): “Allora il Signore Iddio fece
cadere un sonno profondo su Adam ... E mentre dormiva, Dio
prese una delle sue costole, mettendo carne al suo posto; poi
con la costola tolta ad Adam, formò la donna.”. Quanto dice
Adam subito dopo è illuminante (Jenesi II - 23) “Questa volta è
osso delle mie ossa e carne della mia carne”. A conferma che ci
fu una prima e una seconda creazione della donna. Oppure … lo
si è fatto credere(?)

Lilith … Si,
pare che Adam avesse
avuto già una
prima moglie prima
di Eva e che ripudiò
“perché voleva
stare sopra”. Lilith
fu cacciata e visse
nel deserto come un
demone in cerca di
vendetta. Nel dipinto
di Michelangelo che mostriamo,
il serpente che
tenta Eva ha le sembianze
di Lilith. Mentre Adam prende da se il frutto e non dalle
mani di Eva.
..Da: "SHARDANA Antichi Re del Mare"